Crisi oculogire

Crisi oculogire : La crisi oculogira è un disturbo che si manifesta con lo spostamento dei bulbi oculari di un paziente in una posizione fissa estrema, spesso rivolti ai lati o verso l’alto.

Il paziente non riesce a controllare gli occhi e può manifestare contemporaneamente altri sintomi come torcicollo, sbavature, paresi facciale, disturbi psicologici.

In genere si tratta di un disturbo temporaneo che si manifesta in seguito alla paralisi dei muscoli dell’occhio, in presenza di patologie quali encefalite e morbo di Parkinson.

La gravità dei sintomi varia in base all’entità della causa che li ha scatenati.

crisi oculogire

crisi oculogire

Sintomi e cause   Crisi oculogire

Nei pazienti con alcuni disturbi neurologici come il morbo di Parkinson che sviluppare crisi oculogire queste possono essere viste come una reazione avversa ai farmaci, ma il disturbo può manifestarsi anche in soggetti sottoposti a forte stress emotivo.

I movimenti degli occhi possono essere diversi da paziente a paziente e possono anche essere dolorosi e scomodi. Dopo che la crisi è rientrata, il paziente può apparire molto stanco e mostrare angoscia e agitazione.

Nel caso si assista ad una crisi oculogire è necessario mantenere la calma intorno al paziente, parlare con voce neutra e specificare che si sta provvedendo a riportare la situazione alla normalità.

Non ha importanza se il paziente non è in grado di rispondere, è però fondamentale cercare di mantenere il controllo della situazione ed evitare di portare più ansia.

Cure e trattamento

Il trattamento per curare la crisi oculogire consiste nella somministrazione di farmaci rilassanti muscolari che possono aiutare a rilassare i muscoli che controllano il movimento degli occhi. In questo modo gli occhi possono tornare ad avere una posizione di riposo più naturale.

Poiché la crisi oculogire può essere una manifestazione dell’epilessia, i farmaci rilassanti sono i più indicati per curare le patologie neurologiche e per apportare significativi miglioramenti.

Leave a Reply